Adesso e qui sta bene la parola fine

faracidiscorso

Il Discorso di Commencement del Prof. Faraci al Graduation Day del 29 settembre 2016

Cari laureati,

ADESSO E QUI STA BENE LA PAROLA FINE

Fine di un percorso, fine di un ciclo di studi, fine di tante ansie e preoccupazioni, fine di un ciclo della vostra vita che ha segnato, nel bene e nel male, noi speriamo più nel bene che nel male, i vostri anni giovanili

ADESSO E QUI STA BENE LA PAROLA FINE

Anche per me c’è stata la parola fine. Da laureato ventisette anni e mezzo fa. Quel giorno, come Voi, mi attraversava un flusso di emozioni di segno opposto. Gioia, felicità per un traguardo personale raggiunto con tanta fatica. Sgomento, paura per un mondo nuovo, e sconosciuto, che stava per aprirsi

ADESSO E QUI STA BENE LA PAROLA FINE

Le ha usate queste parole lo scrittore Erri De Luca per chiudere un suo celebre libro. Ma aggiunge pure che fine è sorella minore di confine e di finestra chiusa.

Confine. Avete vissuto per 3-4 anni in una terra di confine all’interno di questo Dipartimento. Il confine tra mondo giovanile e mondo adulto, tra mondo dello studio e quello del lavoro o della professione, tra mondo del sapere (conoscenze) e quello del saper fare (abilità) e del saper essere (competenze). Adesso è giunto il momento di attraversare il confine, che per molti di Voi potrà significare anche varcare i confini della nostra terra di Sicilia, che essa stessa è terra di confine.

Finestra. Avete chiuso la finestra della stanza in cui avete trascorso, in solitudine, molto tempo a studiare, ripassare, preparare per bene gli esami, vivere magari le ansie del pre-esame. Adesso però potrete aprire una porta e affacciarvi ad un mondo nuovo che per alcuni di Voi potrà significare un nuovo percorso di studi alla magistrale, una candidatura al mondo del lavoro, una conferma nel mondo del lavoro ove si è già entrati; potrà significare rimanere o partire, imparando fin d’ora, per quelli che lasceranno la Sicilia, cosa vuol dire esser presenti nella vita degli altri, anche quando non si è vicini fisicamente; dispiegare le ali in volo mentre si mantengono solide radici nel terreno, che sono la propria famiglia, i propri affetti.

ADESSO E QUI STA BENE LA PAROLA FINE

E, come per ogni finale che si rispetti, ci sono i ringraziamenti. I nostri, di docenti di questo corso di laurea, i miei personali come Presidente di questo corso, a tutti Voi. Un vero docente non finisce mai di crescere man mano che crescono i suoi allievi. In una prospettiva di “reverse mentoring”, come l’abbiamo più volte etichettata, addirittura è l’adulto che apprende dai più giovani e si nutre anche dei sogni, delle ambizioni, dei progetti e delle contraddizioni di ciascuno di loro. Dunque grazie. E grazie anche alle Vostre famiglie che, decidendo tre-quattro anni fa, di sostenervi nella scelta di questo corso di studi, hanno dato fiducia a noi docenti, affidandovi alle nostre cure, quasi ci fosse una staffetta nel grande gioco delle responsabilità cui la vita ci abitua. Prima loro responsabili per voi, poi noi per voi. Adesso tocca a Voi, da soli. Che, da domani, vi sentirete un pizzico in più responsabili. Dove responsabilità va a braccetto con libertà.

ADESSO E QUI STA BENE LA PAROLA FINE. Che non è l’ultima pagina di un libro che, domani, dovrete dimostrare di conoscere ad un esame universitario. Ma è l’ultima pagina di un libro che, per vostra fortuna, rimarrà sempre aperto. E’ il libro delle memorie del cuore, dei ricordi, che porterete gelosamente con Voi per tutta la vita. Perché questi sono stati anni bellissimi, nonostante tutto, e il loro ricordo sarà indelebile per sempre.

Ho usato tre parole, in questa breve conclusione, che mi piacciono tanto. Cuore, Nonostante, “Persempre”.

Cuore, usatelo sempre in tutto ciò che farete. Nella variante “Cuore Pensante” come lo chiamava Etty Hillesum e come lo ha etichettato pure Susanna Tamaro o di Intelligenza Emotiva come lo ha definito Daniel Goleman, ma usatelo sempre il Cuore. Nonostante. Nonostante mille difficoltà, nonostante le criticità, nonostante i momenti bui, si possono ottenere risultati straordinari nella vita, come la laurea che avete conseguito ieri e che sarà celebrata oggi con la consegna della pergamena. Nonostante tutto, per noi Siciliani abituati nonostante tutto ad andare avanti. “Persempre”, un avverbio che, nei momenti in cui batte forte il cuore perché vogliamo bene ad una persona, pronunciamo con grande trasporto, pur sapendo che persempre è una promessa solenne, che poi magari si fa fatica a mantenere. Persempre è invece la sommatoria di tanti piccoli momenti quotidiani che, messi insieme, faranno una vita. Come oggi, che è un momento bellissimo per tutti Voi.

ADESSO E QUI STA BENE LA PAROLA FINE.

Vi lascio con le parole che mia madre mi ricordava sempre quando, da studente, temevo di non farcela ad arrivare all’obiettivo finale della laurea. Sono i versi dell’ode di Manzoni “Il Cinque Maggio”:

“La procellosa e trepida

Gioia d’un gran disegno,

L’ansia d’un cor che indocile

Serve, pensando al regno;

E il giunge, e tiene un premio

Ch’era follia sperar”

Il vostro premio è la laurea oggi.

Auguri e ad maiora semper!

diapositiva1

Lauree di Novembre 2016

avviso-lauree-novembre-2016

Si avvisano i laureandi del prof. Faraci che prevedono di laurearsi per la V sessione dell’anno accademico 2015-16, cioè per novembre, che il saggio finale dovrà essere trasmesso al docente entro e non oltre il 19/10/2016, inviato via mail all’indirizzo faraci@unict.it (in formato word) e personalmente consegnato in copia cartacea durante l’orario di ricevimento (che per quel periodo, concomitante alle lezioni, è previsto il mercoledì dalle ore 12.00). Il docente provvederà a leggere e valutare gli elaborati, programmando uno o più incontri successivi con i laureandi per la revisione del lavoro e la finalizzazione del saggio in vista dell’upload sul portale che avverrà per tutti entro e non oltre l’8/11. Il docente: R.Faraci

Corso zero di management per le matricole

corso-zero-faraci

fotozero

CLICCA QUI PER IL GRUPPO CHIUSO DEL CORSO SU FACEBOOK

19 settembre – Il significato del fare impresa

20 settembre – La costruzione di un progetto d’impresa e il modello di business

  • Il Business Model Canvas: la costruzione del modello attraverso lavori in piccoli gruppi (Class Assignment)
  • Il business model per una start up e per un’impresa esistente (Lecture del docente)
  • Home assignment: La predisposizione del business model canvas da parte dei team.

21 settembre – La presentazione di un progetto d’impresa e le start up

  • Presentazione in aula dei BMC predisposti dai gruppi (Class Activity)
  • I diversi contesti settoriali in cui operano le imprese (Lecture del docente)
  • Testimonianze di start up e progetti imprenditoriali (a cura del CAPITT): intervengono i team Grain Coffee e Skip-I (da Start Up Academy) e Donadonando (da Start Up Your Business)

26 settembre – Il caso aziendale per comprendere le dinamiche di avvio di una nuova impresa

  • Lettura e discussione del caso in aula (Class Assignment) – Caso Zestrip (caso-zestrip)
  • Criticità aziendali e soluzioni in fase di avvio (Lecture del docente)
  • Home assignment: la predisposizione di un copione sui conflitti d’impresa

27 settembre – La gestione della comunicazione in aula: Teatro e Oxford Debate

  • Lettura dei copioni predisposti (Class Assignment)
  • La gestione dei conflitti d’impresa (Lecture a cura del docente)
  • Teatro d’Impresa con gli studenti (Class Activity)
  • Oxford Debate in aula sul tema: Rimanere o partire?

 

Tre appuntamenti importanti il 26 settembre

Dalle 9 alle 10,30 il consueto seminario tenuto dal Prof. Faraci e riservato ai tesisti e ai richiedenti tesi per illustrare loro dal punto di vista metodologico il percorso di redazione del saggio finale, anche alla luce delle nuove disposizioni regolamentari in vigore dal 2016

Dalle 11 alle 12 il briefing obbligatorio per tutti i laureandi della sessione di settembre 2016. Docenti e personale tecnico-amministrativo illustreranno modalità di svolgimento dell’Exam Day e del Graduation Day (dopo il 12 settembre verranno comunicate le date delle giornate d’esami e delle proclamazioni)

Dalle 13 alle 14 docenti ed esperti risponderanno nel #Graduationexit ai quesiti di studenti, laureandi e neolaureati sulle opportunità di studio e di lavoro post-lauream in Economia Aziendale. Si discuteranno, fra gli altri, i temi riguardanti il “dilemma” se rimanere o partire; se accedere ad un master o ad una magistrale; quale magistrale scegliere, se ad indirizzo generalista o specialistico; se e come accedere al mondo del lavoro, prima durante o dopo gli studi; se e come fare una esperienza all’estero dopo la laurea triennale.

Seminaridel26

Economia Aziendale: test d’ammissione, corsi zero e Welcome Day per le matricole

Lunedi’ 5 settembre i test d’ammissione. Clicca qui per le info ufficiali sul sito di Ateneo.

Dal 19 settembre i corsi zero di introduzione alle discipline di base.

Il 5 ottobre inizio delle lezioni per gli studenti del primo anno, preceduto dal consueto appuntamento di Welcome, l’orientamento per le matricole di Economia Aziendale. In bocca al lupo a tutti e, per quelli che saranno ammessi, benvenuti a bordo!

Corsi zero CdL in Economia Aziendale - A_A_ 2016-2017-2

welcomeday-economiaaziendale